popolare:

L'economia mondiale conferma la sua ripresa, ma il debito preoccupa

L'economia mondiale conferma la sua ripresa, con miglioramenti del PIL del 3,5% nel 2017 e del 3,7% nel 2018, sebbene non in modo "solido o inclusivo" in un contesto segnato dal indebitamento delle famiglie e delle società non finanziarie, ha avvertito l'OCSE.

Parigi, 28 novembre (EFE) .- L'economia mondiale conferma la sua ripresa, con miglioramenti del PIL del 3,5% nel 2017 e del 3,7% nel 2018, sebbene non in modo "solido o inclusivo" in un Segnato dall'elevato indebitamento delle famiglie e delle società non finanziarie, l'OCSE ha avvertito.

Nel rapporto semestrale delle Prospettive dell'Organizzazione per la cooperazione e Economic Development (OCSE), la sua principale economista, Catherine Mann, ha riconosciuto che ci sono "segnali positivi" come il rimbalzo negli investimenti delle imprese, ma non è abbastanza fermo per protrarsi durante il 2019, quando l'economia dovrebbe rallentare (3,6%).

"I governi devono mettere in atto cambiamenti politici più profondi per canalizzare gli investimenti, aumento della produttività e dei salari per ottenere un tipo di crescita più inclusivo ", ha affermato Mann.

L'agenzia parigina sostiene riforme economiche che facilitare il commercio internazionale e servire a ridurre le tasse nelle aziende, tra le altre.

Le prospettive dell'OCSE attribuiscono il miglioramento delle prospettive semestrali al politiche di stimolo e ricorda che la progressione del prodotto interno lordo (PIL) non è stata così alta dal 2010, dopo l'inizio della crisi globale.

L'agenzia mantiene il suo proiezioni economiche di miglioramento 2017 3,6% -la stesso che nel giugno scorso e solleva la prospettiva del 2018, dal 3,6% al 3,7%.

Nonostante questo che i livelli di reddito pro capite registrati prima dello scoppio della crisi non sono ancora stati raggiunti, nel 2008.

Le variazioni più positive delle loro proiezioni rispetto a quelle del l'estate è di nuovo per la zona euro, con un aumento del 2,4% nel 2017 (tre decimi in più rispetto a giugno) e del 2,1% nel 2018 (due decimi in più).

C'è un prospettive per gli Stati Uniti (2,2% nel 2017 e 2,5% nel 2018).

Gli indicatori del Regno Unito confermano la tendenza a languire nel 2017 - un decimo in più, fino all'1,5% aumento di due decimi nel 2018, all'1,2% grazie all'impatto positivo derivante dal periodo di transizione concordato tra Londra e Bruxelles per la partenza del Regno Unito dal EU.

Un altro dei giganti dell'economia mondiale, la Cina, migliora le proiezioni di giugno con un aumento del PIL nel 2017 del 6,8% - due decimi in più - e del 6,6% nel 2018 decimi meglio- grazie alla forza del settore dei servizi e alcune industrie strategiche.

Brasile, altri grandi paesi emergenti al di fuori dell'organizzazione, ha finalmente rinnovate sua ripresa economica dopo otto trimestri consecutivi scorrimento e crescere dello 0,7% nel 2017, lo stesso come previsto in giugno-e 1,9% nel 2018, più di tre decimi pubblicato un anno e mezzo fa.

L'indebitamento del settore privato e le famiglie in OECD solleva preoccupazioni, soprattutto in paesi come la Cina.

Nelle economie più avanzate, Si teme che il lungo periodo di scarso interesse abbia stimolato decisioni troppo rischiose e gonfiato i prezzi del mercato immobiliare.

"I paesi altamente debito può essere vulnerabile a shock finanziari e il debito può pesare la crescita economica nel medio termine ", ha avvertito l'agenzia con sede a Parigi.

L'OCSE ha anche analizzato il ruolo delle banche centrali in questo periodo di ripresa economica e consigliato di ritirare lo stimolo monetario in vigore negli ultimi anni, anche se gradualmente che l'inflazione, inferiore a quanto auspicato, è dovuta a fattori che sfuggono al controllo delle banche di regolamentazione.

L'OCSE, fondata nel 1961 e con sede a Parigi, raggruppa 35 paesi membri di tutto il mondo con la missione di promuovere politiche che migliorino il benessere economico e sociale del mondo, e ad esso appartengono le nazioni più sviluppate e altre nazioni emergenti come il Messico, il Cile e la Turchia.

commenti 0

?
Non ci sono commenti per questo articolo ancora!
EUR/USD

EURUSD=X

1.1747 -0,00 -0,24%
USD/CHF

CHF=X

0.9581 -0,00 -0,09%
GBP/USD

GBPUSD=X

1.3067 -0,02 -1,54%
USD/JPY

JPY=X

112.5670 +0,09 +0,08%
USD/CNH

CNH=X

6.8451 +0,01 +0,15%
USD/CAD

CAD=X

1.2912 +0,00 +0,06%
IBEX 35

^IBEX

9590.40 +6,70 +0,07%
IBEX MEDIUM..

INDC.MC

15377.30 -38,40 -0,25%
IBEX SMALL ..

INDS.MC

7490.80 +5,90 +0,08%
IBEX TOP DI..

INDD.MC

3047.90 +1,80 +0,06%
FTSE LATIBE..

INDB.MC

1249.20 +9,20 +0,74%
FTSE LATIBE..

INDL.MC

8444.10 +226,10 +2,75%
Abertis Inf..

ABE.MC

18.36 +0,00 +0,00%
Actividades..

ACS.MC

37.83 +1,03 +2,80%
Acerinox, S..

ACX.MC

12.24 -0,03 -0,24%
AENA, S.A.

AENA.MC

150.45 +4,75 +3,26%
Amadeus IT ..

AMS.MC

78.26 +0,46 +0,59%
Acciona, S...

ANA.MC

75.86 -0,12 -0,16%
Financial S..

XLF

28.74 -0,11 -0,39%
VanEck Vect..

GDX

18.78 -0,15 -0,79%
SPDR S&P 50..

SPY

291.99 -0,22 -0,07%
Vanguard FT..

VWO

41.80 +0,17 +0,41%
Direxion Da..

TZA

8.24 +0,12 +1,48%
Utilities S..

XLU

53.06 +0,22 +0,43%
I cookie ci aiutano i nostri servizi.
il ripristino della password