La Spagna sospende nell'azione climatica in un esame ai paesi più eminenti

La Spagna cade al numero 38 (di 56) nell'indice che misura l'azione climatica dei paesi più eminenti del mondo, entrando nel gruppo di nazioni che fanno "poco" per combattere il riscaldamento globale, secondo uno studio presentato oggi a COP23 dalla Climate Action Network (CAN).

Bonn (Germania), 15 nov. (EFE) .- La Spagna cade al numero 38 (su 56) nell'indice che misura l'azione climatica dei paesi più eminenti del mondo, entrando nel gruppo di nazioni che fanno "poco" per combattere il riscaldamento globale, secondo uno studio presentato oggi a COP23 dalla Climate Action Network (CAN).

L'indice di azione sul clima analizza e confronta Per più di un decennio, il comportamento dei paesi che emettono più CO2 è stato responsabile del 90% dei gas inquinanti e ha la partecipazione di più di 300 esperti di energia delle nazioni studiate. Le variabili esaminate per prendere atto sono l'evoluzione delle emissioni dei paesi, l'efficienza energetica, È impegnata nelle energie rinnovabili e nelle politiche strategiche dei suoi governi per combattere il cambiamento climatico.

Classificato 38 dei 56 paesi analizzati (57 con l'UE), Spagna perde cinque posizioni rispetto al 2016 (16 per il 2014) e viene prima nella lista di quelli "che hanno sospeso con un basso grado di azione per il clima", ha detto David Howell, portavoce del cambiamento climatico di SEO / BirdLife e CAN, presente alla presentazione dello studio al vertice climatico di Bonn.

Per quanto riguarda i membri dell'Unione europea (UE), Spagna - "i più vulnerabili ai cambiamenti climatici in Europa Paese" - si classifica 20 °

Secondo Howell, "la Spagna non riesce internamente su tutte le questioni discusse, ma specialmente nelle politiche per combattere il riscaldamento. "In questa sezione, che analizza le misure concrete adottate dal paese per ridurre le emissioni a livello nazionale e internazionale, la Spagna classifica 41, "soprattutto per il suo basso livello di impegno nell'arena domestica", ha dichiarato Howell.

La qualificazione richiama l'attenzione se confrontata con Luoghi che occupano i paesi limitrofi in questa sezione: il Marocco guida l'elenco dei paesi in relazione alle politiche climatiche al quarto posto, la Francia occupa il sesto e il Portogallo Settimo. L'indice sospende anche la Spagna in relazione alle politiche per l'adempimento degli impegni di emissione previsti per il 2030 nell'ambito dell'accordo di Parigi, in particolare " dubbi sulle emissioni connesse con centrali termiche, trasporti, industria e settori agricoli e incendi boschivi ", ha detto l'attivista.

" Quello che questi dati mostrano è la timida posizione del governo spagnolo e del resto delle forze politiche contro l'azione necessaria nei confronti del cambiamento climatico e che nel caso dell'Esecutivo si dimostra in misure come vanno contro l'auto consumo mentre sostengono il carbone, o non promuovono un sistema verde di tassazione o di trasporto che non dipende dai combustibili fossili ", ha concluso il portavoce SEO / BirdLife.

Per quanto riguarda il resto dei paesi, il rapporto lascia le prime tre posizioni dell'elenco vacante in quanto nessuno degli Stati analizzati "mostra un comportamento adeguato per assicurare che l'aumento di temperatura non supera la soglia tra 1,5 e 2 gradi centigradi ", ha detto Howell.

Francia dà il testimone alla Svezia, in cima alla lista, seguita dalla Lituania e dal Marocco, che non solo conduce l'azione climatica in Africa ma sperimenta anche un notevole progresso grazie al suo impegno verso l'energia solare.

La Cina, la più grande l'emittente su scala mondiale, sale da 48 a 40, poiché gli autori ritengono che, anche se la loro performance rimane a un livello "molto basso", i loro piani per il futuro delle rinnovabili sono positivi L'Arabia Saudita è ultima, preceduta dall'Iran, dalla Corea del Sud, dall'Australia e dagli Stati Uniti, che cade dalla 43a alla 56a posizione spinta dai movimenti della Amministrazione presieduta da Donald Trump e la sua rottura con l'accordo di Parigi.

EUR/USD

EURUSD=X

1.1747 0,00 -0,24%
USD/CHF

CHF=X

0.9581 0,00 -0,09%
GBP/USD

GBPUSD=X

1.3067 -0,02 -1,54%
USD/JPY

JPY=X

112.5670 +0,09 +0,08%
USD/CNH

CNH=X

6.8451 +0,01 +0,15%
USD/CAD

CAD=X

1.2912 +0,00 +0,06%
IBEX 35

^IBEX

9590.40 +6,70 +0,07%
IBEX MEDIUM..

INDC.MC

15377.30 -38,40 -0,25%
IBEX SMALL ..

INDS.MC

7490.80 +5,90 +0,08%
IBEX TOP DI..

INDD.MC

3047.90 +1,80 +0,06%
FTSE LATIBE..

INDB.MC

1249.20 +9,20 +0,74%
FTSE LATIBE..

INDL.MC

8444.10 +226,10 +2,75%
Abertis Inf..

ABE.MC

18.36 +0,00 +0,00%
Actividades..

ACS.MC

37.83 +1,03 +2,80%
Acerinox, S..

ACX.MC

12.24 -0,03 -0,24%
AENA, S.A.

AENA.MC

150.45 +4,75 +3,26%
Amadeus IT ..

AMS.MC

78.26 +0,46 +0,59%
Acciona, S...

ANA.MC

75.86 -0,12 -0,16%
Financial S..

XLF

28.74 -0,11 -0,39%
VanEck Vect..

GDX

18.78 -0,15 -0,79%
SPDR S&P 50..

SPY

291.99 -0,22 -0,07%
Vanguard FT..

VWO

41.80 +0,17 +0,41%
Direxion Da..

TZA

8.24 +0,12 +1,48%
Utilities S..

XLU

53.06 +0,22 +0,43%