La Spagna potrebbe perdere 37.400 milioni di fondi europei dopo il "brexit"

La continuità dei fondi di coesione europei, pari a un terzo del bilancio totale, è in discussione nella preparazione del prossimo quadro finanziario comunitario dopo il "brexit" e, se c'è un taglio in questo articolo, la Spagna potrebbe smettere di ricevere 37.400 milioni di euro.

Bruxelles, 16 novembre (EFE) .- La continuità dei fondi di coesione europei, pari a un terzo del bilancio totale, è in discussione per la preparazione del prossimo quadro comunità finanziaria dopo il "brexit" e, se c'è un taglio in questa voce, la Spagna potrebbe smettere di ricevere 37.400 milioni di euro.

Questo è indicato da un documento interno preparato dal Dipartimento di Politica Regionale della Commissione Europea (CE) a cui Efe ha avuto accesso, in cui tre possibili scenari sono proposti per il bilancio Europeo sotto questa rubrica dopo 2020: un taglio del 30%, un taglio del 15% e la continuità della situazione attuale.

Nello scenario di un taglio dei fondi di coesione del 30%, il più lontano dalla situazione Al momento, i fondi disponibili saranno assegnati esclusivamente agli Stati membri considerati "meno sviluppati", che secondo i criteri attuali sarebbero gli Portogallo.

Spagna perderebbe tutti i fondi di coesione incassati nel periodo tra il 2014 e il 2020, circa 37.400 milioni di euro dedicati, tra le altre cose, per migliorare la ingresso nel mercato del lavoro, promuovere l'integrazione sociale e fornire alle PMI facilitazioni per accedere ai finanziamenti.

Nella stessa situazione ci sarebbero paesi come la Francia, la Germania, Belgio, Olanda e Italia.

Il panorama che propone un taglio del 15% in questo gioco non è lusinghiero per la maggior parte delle comunità autonome spagnole, perché questo scenario implica che solo le regioni con un PIL pro capite inferiore al 75% della media europea riceveranno un sostegno finanziario comunitario da questo programma.

Solo Andalucía, Castilla-La Mancha, Murcia ed Estremadura soddisfano questo criterio, mentre le regioni in transizione (Galizia, Asturie, Cantabria, La Rioja, Valencia e Isole Baleari, con un PIL compreso tra il 75% e il 90% della media Europea) e la più sviluppata (Madrid, Catalogna, Aragona, Navarra e Paesi Baschi, con oltre il 90% della media del PIL UE) non sarebbero più ammissibili agli aiuti.

Lo scenario sostiene che l'attuale bilancio per il capitolo sulla coesione consentirebbe a tutte le comunità autonome di continuare ad avere accesso a tali fondi.

Secondo questa ipotesi, la Commissione potrebbe aggiornare i criteri utilizzati per misurare se una regione è considerata "in transizione", che sarebbe un qualsiasi territorio con un PIL pro capite tra il 75 e il 100% della media europea, rispetto alla fascia compresa tra il 75 e il 90% applicata oggi.

Questa è la prima volta che la Commissione europea fornisce dati concreti sull'impatto che potrebbe avere sul prossimo bilancio Uscita europea dal Regno Unito, che lascerà un buco del 16% nei conti delle comunità e l'arrivo di nuove priorità di spesa, come il lancio di una difesa comune o nuove strategie per gestire l'immigrazione.

Il bilancio dell'UE rappresenta attualmente l'1% della ricchezza generata dai ventotto Stati membri ogni anno, ma la Commissione stimato di preservare le più importanti politiche attuali e affrontare le nuove sfide tale percentuale dovrebbe salire al 1,2%.

Anche se i capitoli che cadrà il I possibili tagli dopo il 2020 non sono ancora ufficiali, il Comitato europeo delle regioni (CdR), che rappresenta le autorità locali in tutta l'UE, è stato il Alliance for Cohesion.

Questa iniziativa raccoglie il sostegno di sindaci, presidenti regionali e parlamentari europei alla politica di coesione, il "principale strumento di investimento nell'UE" che deve rimanere "un pilastro del bilancio comunitario dopo il 2020", spiegano.

Il presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz ha dichiarato in una dichiarazione la sua "preoccupazione" per il possibili tagli a questa politica e ha sottolineato che avrebbero "effetti devastanti" sulla coesione sociale, economica e territoriale dell'Europa.

"Il successo dell'Europa è garantire che ogni cittadino in ogni regione, città e città beneficia dell'Unione. Lambertz dopo aver partecipato al vertice sociale europeo a Göteborg (Svezia).

La Commissione dovrebbe presentare la sua proposta sul futuro della politica di coesione, insieme con il resto di una parte del bilancio europeo per il periodo di sette anni tra il 2021 e il 2027, nel maggio 2018.

Laura Zornoza

EUR/USD

EURUSD=X

1.1747 0,00 -0,24%
USD/CHF

CHF=X

0.9581 0,00 -0,09%
GBP/USD

GBPUSD=X

1.3067 -0,02 -1,54%
USD/JPY

JPY=X

112.5670 +0,09 +0,08%
USD/CNH

CNH=X

6.8451 +0,01 +0,15%
USD/CAD

CAD=X

1.2912 +0,00 +0,06%
IBEX 35

^IBEX

9590.40 +6,70 +0,07%
IBEX MEDIUM..

INDC.MC

15377.30 -38,40 -0,25%
IBEX SMALL ..

INDS.MC

7490.80 +5,90 +0,08%
IBEX TOP DI..

INDD.MC

3047.90 +1,80 +0,06%
FTSE LATIBE..

INDB.MC

1249.20 +9,20 +0,74%
FTSE LATIBE..

INDL.MC

8444.10 +226,10 +2,75%
Abertis Inf..

ABE.MC

18.36 +0,00 +0,00%
Actividades..

ACS.MC

37.83 +1,03 +2,80%
Acerinox, S..

ACX.MC

12.24 -0,03 -0,24%
AENA, S.A.

AENA.MC

150.45 +4,75 +3,26%
Amadeus IT ..

AMS.MC

78.26 +0,46 +0,59%
Acciona, S...

ANA.MC

75.86 -0,12 -0,16%
Financial S..

XLF

28.74 -0,11 -0,39%
VanEck Vect..

GDX

18.78 -0,15 -0,79%
SPDR S&P 50..

SPY

291.99 -0,22 -0,07%
Vanguard FT..

VWO

41.80 +0,17 +0,41%
Direxion Da..

TZA

8.24 +0,12 +1,48%
Utilities S..

XLU

53.06 +0,22 +0,43%